La copertina di Conexión
La pagina di Conexión su Facebook
Tutte le rubriche

Vuoi collaborare con Conexion? Contattaci, saremo lieti di conoscerti!



La pagina di Conexión su Facebook
Serata delle Culture - turca & armena
Scritto da Claudio Catalano   

Convergenza delle Culture-Torino organizza:

SERATE DELLE CULTURE

Una finestra sulla cultura Turca e Armena

Venerdì 24 aprile 2015 - ore 20:30 - presso Casa Umanista - via L. Martini 4, Torino

Siamo giunti al 3° appuntamento con le “Serate delle Culture”; questa volta scopriremo gli elementi interessanti e positivi delle culture turca e armena.

Gli incontri continueranno l’8 maggio con l’Albania e il 29 maggio con la Somalia.

Leggi tutto...
 
 

COMUNICATO STAMPA
18 Aprile 2015 – Giornata di azione globale contro i Trattati di Libero Scambio
Appuntamento a TORINO

 

Leggi tutto...
 
Pastel de papas - Ricette dal mondo

 

Per questa ricetta, un po’ di storia:
La  torta di patate è un piatto unico diffuso in Sud America che si basa su un piatto di origine inglese. Il piatto inglese prende il nome di “Cottage Pie” oppure di “Sheppard Pie”. La torta di patate è molto gustosa e la preparazione, anche se ci vuole un po’ di tempo, non è difficile. Consiste essenzialmente in un ripieno di carne macinata di manzo e cipolle coperto con purè di patate.

La versione che vi propongo è quella che facciamo nella mia carissima Argentina.

Leggi tutto...
 
Mi chiamo Jacques...

Ciao a tutti, 

mi chiamo Jacques, ma alcuni mi chiamano Jack. Sono originario della Costa d’avorio (per chi non lo sapesse si trova nell’ovest dell’Africa) e vivo in Italia già da qualche anno, ma ricordo come se fosse ieri il primo giorno che toccai il suolo italiano. Era una giornata d’estate, ma più che una semplice giornata d’estate era un giorno felice. Mi sono sentito subito liberato dalle oppressioni di una vita molto difficile che mi ero lasciato alle spalle, almeno così mi sembrava quando sono arrivato. 

Leggi tutto...
 
Occupazione e vescovo. Uno strano binomio

 

La chiesa, al contrario della città ha deciso di metterci la faccia. L'occupazione di via Madonna della Salette nasce dalle cantine dell'Exmoi, alcuni profughi non trovando posto negli alloggi si erano sistemati lì in condizioni ancora più precarie di chi in qualche modo viveva negli alloggi. Si è deciso quindi di occupare un altro spazio con l'aiuto dei movimenti per la casa. La palazzina scelta è un edificio dei padri salettiani dismesso nel 2008. Dopo un primo momento di "sconcerto" i preti hanno deciso di accettare l'occupazione e di collaborare con gli abitanti e il comitato, è nata così l'idea di un progetto, "sponsorizzato" dal vescovo, e oggi è partito ufficialmente. Il progetto è diviso in tre parti: ristrutturazione, progettualità, territorio. La centralità degli abitanti in tutte queste fasi è prioritaria, non sarà un progetto a "tempo", nessuno verrà mandato via finché non avrà raggiunto la sua autonomia. Questo è un breve riassunto della situazione, ovviamente noi non saremo a guardare ma saremo parti attive del percorso.

I ragazzi hanno scritto alcuni messaggi che sono stati appesi all'albero di natale, quello che viene fuori è paura e sfiducia. Chi può dare loro torto?

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 4 di 83