La copertina di Conexión
La pagina di Conexión su Facebook
Tutte le rubriche

Vuoi collaborare con Conexion? Contattaci, saremo lieti di conoscerti!



La pagina di Conexión su Facebook
Don’t tell my mother I’m in Iran

  di Nicoletta Coppo

 

Prima di tornare in Iran sono rimasta a lungo in contatto con Shahruz e altri amici iraniani. 
Con il loro aiuto ho tentato di capire qualcosa in quell’intricata matassa di storia, realtà, proibizioni e trasgressioni. 

In questi giorni attendo notizie dalla Repubblica Islamica. Tutto tace.  

Leggi tutto...
 
L’Hospedaria de Imigrantes di Brás

di Eleonora Silanus

Si dice che i posti abbiano un’anima, che si portino dietro tutti gli anni di storia che da lì sono passati.

Entrando nel complesso del Memorial do Imigrante, situato nel quartiere Brás, è impossibile non essere investiti dall’anima dell’intera città di San Paolo, la cui storia si basa sulle migrazioni dei popoli che, venuti da lontano, hanno deciso di stabilirsi in una nazione allora nuova e sconosciuta.

A partire dal 1887 l’Hospedaria de Imigrantes di Brás ha costituito la porta di ingresso alla città per tutti gli europei, giapponesi, brasiliani nordestini che, dopo viaggi estenuanti, arrivavano in cerca di fortuna. L’Hospedaria costituiva il luogo di prima accoglienza e il collegamento tra forza lavoro e proprietari terrieri.

Leggi tutto...
 
Scrittori e poeti 
in dialetto piemontese

di Samael Coral

Continuiamo con i nostri appuntamenti dedicati alle vie della memoria, parlando questa volta di scrittori e poeti in dialetto piemontese.

Credo sia doveroso ricordare l’importanza che ha avuto il dialetto nel delinearsi di una fisionomia sociale e politica della nostra regione in un periodo come questo dove la sua rivalutazione patisce una certa negligenza; basti il ricordare che lo stesso piemontese è stato ancora fino a tutto il ’700 il linguaggio prediletto a Corte, insieme ovviamente al francese.

Leggi tutto...
 
Il museo di arti decorative “Accorsi”

di Angela Vaccina

C’era una volta la città dell’industria “Torino” rinomata in tutto il mondo per questa sua qualità, ma come le favole il regno svanisce in una bolla di sapone. Dalle ceneri sorge e si sviluppa una città diversa, l’arte e la cultura, il turismo prendono vita.

Gente di ogni luogo gira per le nostre strade, scoprendo angoli suggestivi, spesse volte sconosciuti perfino ai torinesi.

La Mole Antonelliana ospita il Museo del Cinema, interminabili code indicano il grande interesse che questo documento sprigiona. Se si pensa a Torino, non si può dimenticare il Museo Egizio, secondo in ordine d’importanza a quello del Cario, il Palazzo Reale, ricco di storia e delle gesta dei Savoia

Leggi tutto...
 
Tra gli Appennini e le Ande : Famiglie peruviane al di là e al di qua dell’Oceano Atlantico

di PierVittorio Formichetti

Che cosa pensino gli immigrati della propria esperienza migratoria e della propria condizione è un argomento che, onestamente parlando, non interessa che una minima parte della società italiana, che è molto più sensibile, viceversa, alla descrizione fattane da altri e dall’esterno, da alcuni giornalisti della cronaca che ne parlano per semplice – e magari svogliato – dovere (e quindi non sempre con cognizione di causa) ai politici che, per catturare il consenso, ne riflettono un’immagine deformata, irrealisticamente migliore (come se gli immigrati fossero tutti “santi”) o allarmisticamente peggiore (l’immigrato è sempre e comunque pericoloso per noi). 

Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 7 di 83